...immagini della chiesa...

Parrocchia di Santa Edith Stein - Roma!

Via Siculiana 160, 00133 Roma - tel. 0620433294

parrocchiasantaedithstein@gmail.com


 


S. Edith Stein: la prima pietra

Da Romasette.it

A Torre Angela l'atto d'avvio per il complesso parrocchiale, con la celebrazione presieduta da mons. Moretti di Marina Tomarro

«Questa è la prima parrocchia nel mondo dedicata a Santa Edith Stein, dopo la sua canonizzazione avvenuta nell’ ottobre del 1998, ed è stata fortemente voluta proprio dal compianto Giovanni Paolo II». È felice don Stefano Ranfi, parroco della comunità dedicata a Santa Teresa Benedetta della Croce, al secolo Edith Stein, mentre cerca di esprimere la sua emozione per la posa della prima pietra del nuovo complesso parrocchiale, che a Torre Angela sarà pronto verso la fine del 2008.

Alla cerimonia di domenica 28 maggio in via Siculiana, nella struttura provvisoria che attualmente ospita le celebrazioni e le attività pastorali, è presente anche il cardinale Jorge Arturo Medina Estévez, prefetto emerito della Congregazione per il Culto divino e la disciplina dei sacramenti, che nel benedire la prima pietra legge un telegramma di auguri di Papa Benedetto XVI. «Questa nuova chiesa - spiega don Stefano Ranfi, coadiuvato da un vicario parrocchiale, don Alberto Donai - rappresenterà un punto di riferimento soprattutto per i giovani e le famiglie che vivono in questo quartiere. Infatti oggi purtroppo non abbiamo locali dove poter svolgere gli incontri di catechesi per i bambini e i giovani e le attività di oratorio». Ma nonostante tutto, sono tanti i progetti che don Stefano, con la collaborazione dei laici, riesce a portare avanti. Ad esempio, per la catechesi le famiglie dei bambini che si preparano a ricevere i sacramenti mettono a disposizione le loro case e alcuni vicini istituti religiosi rendono disponibili i loro spazi per gli incontri di comunità.

Molto intensa è l’attività di evangelizzazione verso il quartiere (il territorio della parrocchia arriva fino al Fosso di Torre Angela e alla ferrovia che costeggia la via Casilina). «Abbiamo formato alcuni gruppi - spiega don Stefano - che noi chiamiamo "Cellule parrocchiali", con il compito di far conoscere la Parola di Dio a chi la fede l’ha persa o forse non ce l’ha mai avuta, perché nessuno gli ha mai insegnato la bellezza della verità del Vangelo».

L’arcivescovo Luigi Moretti, vicegerente della diocesi di Roma, che ha presieduto la celebrazione eucaristica, afferma: «Oggi per noi è un giorno importante perché conferma l’impegno di crescere come comunità e Chiesa. Noi stessi infatti dobbiamo essere le pietre vive di questo cantiere ed impegnarci a diventare discepoli di Cristo, e attraverso la sua Parola costruire rapporti nuovi tra gli uomini e aiutare a non far sentire nessuno estraneo, perché siamo tutti fratelli e figli di Dio». Poi, ricordando la figura di Santa Edith Stein, aggiunge: «La sua continua testimonianza di fede a Cristo fino al sacrificio supremo, cioè quello di donare la propria vita per lui, ci stimoli e ci sia di esempio nelle difficoltà che affrontiamo ogni giorno».

4 giugno 2006

Joomla templates by a4joomla